Carta sublimatica: come funziona e come sceglierla

31 Gen 2022 | News Diatecx, Textile

La carta sublimatica è un supporto impiegato nei processi di stampa sublimatica indiretta che serve per trasferire e fondere stabilmente l’inchiostro sul tessuto. 

La stampa per sublimazione è una tecnologia di stampa recente e molto sofisticata che si basa sul processo fisico di sublimazione dell’inchiostro: ossia il passaggio diretto dallo stato solido allo stato gassoso. Questo processo richiede carte opportunamente trattate in superficie, dette appunto carte sublimatiche, ed inchiostri dedicati e specifici.

In questo articolo proveremo a spiegare meglio il ruolo della carta sublimatica e a darvi qualche suggerimento per valutare la scelta di quella più adatta alle vostre applicazioni.

 

Come viene usata la carta sublimatica per la stampa dei tessuti

La stampa sublimatica è utilizzata esclusivamente su tessuti sintetici in fibra di poliestere. Il tessuto deve essere necessariamente di colore bianco, al fine di non alterare il risultato cromatico desiderato. 

La carta sublimatica viene stampata mediante plotter a getto d’inchiostro e successivamente viene posizionata sul tessuto. La stampa digitale del file deve essere sempre speculare nel caso si vogliano trasferire sul tessuto loghi o scritte. 

Il rotolo di carta sublimatica una volta stampata viene quindi “accoppiato” al tessuto in vari modi: o in continuo su calandra se la stampa è ininterrotta su tutto il tessuto; o su piazzato su calandra quando si lavora con pezzi di tessuto per il confezionamento di capi di abbigliamento; o per termopressa posizionando anche in questo caso la carta su singole porzioni di tessuto da stampare e non in modo continuo sull’intero rotolo. 

Una volta accoppiati, a prescindere dalla tecnica utilizzata, carta e tessuto vengono pressati a caldo, ad una temperatura che varia tra i 170°C ed 200°C, mediante opportune presse o calandre per un tempo determinato ad una specifica pressione. 

Durante questa operazione l’inchiostro sublima e si trasferisce dalla carta sublimatica al tessuto combinandosi con la fibra sintetica del tessuto stesso in modo permanente, resistendo ai raggi UV, allo strofinamento ed ai lavaggi.

Con questo sistema si stampa la maggior parte dell’abbigliamento sportivo. Questo perché con la stampa sublimatica il  tessuto non solo risulterà privo di rilievi, ma manterrà inalterata la sua texture e le relative proprietà del materiale tecnico con cui è realizzato, prime fra tutte la traspirabilità. Su questo tema leggi anche “Stampa sublimatica su tessuti sportivi: la tecnica più evoluta”. La stampa per sublimazione può essere usata anche per la stampa su materiali rigidi quali metalli di varie composizioni, ceramica ed altri, preventivamente trattati.

 

Scegliere la carta più adatta

Le carte sublimatiche vengono opportunamente trattate in superficie per assorbire correttamente l’inchiostro. Ne esistono di varie grammature e con prestazioni diverse per quanto riguarda sia i tempi di asciugatura che il grado di trasferibilità del colore.

Il coating è solo su un lato della carta, quello che verrà a contatto con il tessuto. Il trattamento in superficie serve per rendere la carta più ricettiva all’inchiostro sublimatico. Quindi la quantità di coating in superficie è un indice di qualità della carta. 

Anche la velocità di asciugatura è una caratteristica da prendere in considerazione. Carte con asciugatura rapida sono più facili da maneggiare e riducono i tempi di produzione perché la carta potrà essere accoppiata al tessuto subito dopo la stampa. Questa caratteristica dipende dal punto visto sopra, ossia dal tipo di spalmatura in superficie. 

Un altro parametro da valutare nella scelta della carta sublimatica è la grammatura: più la carta è “leggera” minore sarà la definizione della stampa. Una carta dalla grammatura più elevata garantisce risultati più affidabili anche ad alte velocità di stampa. 

Facciamo notare che quando il file viene stampato sulla carta sublimatica, i colori potrebbero apparire spenti e non del tutto fedeli all’immagine originale. Questo è abbastanza normale, perché è solo dopo la sublimazione dell’inchiostro sul tessuto che i colori appariranno nella loro cromia definitiva. 

Se si usa la termopressa, infine, bisognerebbe valutare l’impiego di una carta sublimatica adesiva, perché renderà le operazioni di trasferimento più veloci all’operatore ma soprattutto non rischierà di muoversi una volta posizionata sul singolo pezzo di tessuto. 

 

Carta sublimatica Diatecx

In Diatecx siamo specializzati nella produzione di carte per la stampa a sublimazione indiretta. Il nostro portfolio di prodotti copre tutte le esigenze di produzione grazie ad alti standard qualitativi. Tutte le nostre carte sublimatiche garantiscono un ottimo trasferimento dei pigmenti colorati e un breve tempo di asciugatura. Contattaci per saperne di più sui nostri prodotti o per ricevere una consulenza personalizzata.