Perché la colla Eva è l’adesivo più usato a livello industriale

12 Ago 2021 | Industrial Adhesives

La colla Eva fa parte della famiglia degli hot melt (colle a caldo), adesivi industriali termofusibili, tra i più impiegati sul mercato. Si tratta di formulazioni specifiche a base di polimeri, di natura termoplastica, molto performanti e per questo impiegate in svariate applicazioni, dall’assemblaggio al packaging, dalla lavorazione del legno all’industria tessile. Ma cosa fa, in particolare, della colla base Eva un prodotto così apprezzato dall’industria? Scopriamolo in questo articolo.  

 

Composizione chimica e formulazioni 

L’acronimo Eva sta per Etilene-Vinil-Acetato ed indica la sua composizione chimica. L’etilene (C2H4) è un composto da cui si ottiene anche il polietilene. Nella formulazione delle colle base Eva, l’etilene è l’elemento che favorisce l’adesione a substrati non polari, conferisce forza meccanica e solubilità della paraffina. Il vinil acetato, o acetato di vinile (C4H6O2) è invece “l’ingrediente” che rende la colla base Eva adatta anche a substrati polari come i materiali cellulosici, fornisce flessibilità e migliori prestazioni a bassa temperatura. 

Considerato che questi due elementi influenzano direttamente le proprietà della colla, in base alle applicazioni e ai settori di impiego, si avranno diverse formulazioni adatte a contesti d’uso differenti. Per fare un esempio, una percentuale di etilene più alta in rapporto al vinil acetato si usa se si vuole ottenere un adesivo più tenace e ad alta resistenza, molto indicato per l’assemblaggio; per applicazioni su carta si avrà invece una formulazione che contiene un rapporto più alto di vinil acetato che rende l’adesivo più morbido e flessibile.

Pro e contro della colla Eva

Come detto, le proprietà degli hot melt a base Eva dipendono molto dal tipo di formulazione. In generale, possiamo però individuare delle caratteristiche comuni. Una colla base Eva:

  • per funzionare non necessita di solventi, motivo per cui ha tempi di asciugatura molto rapidi e non è tossica (adatta quindi anche per il packaging alimentare);
  • aderisce molto bene su una vasta gamma di substrati, anche su quelli non assorbenti perché non contiene acqua;
  • rispetto ad altre tipologie di adesivi industriali, ha generalmente un rapporto qualità/prezzo molto vantaggioso e permette di ridurre i costi di produzione di un prodotto finito; 
  • il giunto collante adesivo resiste molto bene alle basse temperature;  
  • è molto resistente subito dopo il raffreddamento, permettendo di movimentare in tempi rapidi i pezzi assemblati e quindi riduce i tempi delle linee di produzione; 
  • data la sua termoplasticità, alcune formulazioni possono essere utilizzate per termo-riattivazione grazie al calore.

Tuttavia, è importante ricordare alcune caratteristiche meno performanti, ad esempio: 

  • se si usa una formulazione con un rapporto più alto di vinil-acetato il tempo di presa sarà un po’ più lungo; 
  • pur sciogliendosi mediamente solo sopra i 90 – 110 C°, raggiunti i 50 – 60°C la colla inizia a perdere la coesione (considerazione di cui tenere conto se si prevede lo stoccaggio del prodotto in condizioni di esposizione solare o comunque a contatto con fonti di calore).

In generale dunque, la colla base Eva è un adesivo molto versatile, performante e di facile applicazione ma è necessario conoscere attentamente le condizioni di utilizzo per capire se è l’adesivo adatto al proprio settore industriale.   

 

Settori industriali che impiegano colle a base Eva

In virtù delle ottime performance e dell’elevata versatilità di applicazione, le colle base Eva vengono impiegate in moltissimi processi industriali, tanto da farne uno degli adesivi più largamente diffusi sul mercato.

Uno dei settori più coinvolti è sicuramente quello dell’imballaggio, sia che si usi come substrato la carta o materiali plastici. Largo uso trova anche nei settori della legatoria per la produzione di libri, riviste, cataloghi e pubblicazioni di vario genere; dell’edilizia per l’incollaggio di pannelli o di elementi decorativi come cornici, battiscopa, per l’installazione di componenti in polistirolo, montaggio di materiali isolanti e rivestimenti. Molto utilizzata anche in tutte le industrie che lavorano il legno, dai mobilifici alla produzione di laminati. Trova applicazione anche nel settore tessile per l’incollaggio di fibre, per gli interni di calzature e valigie e nella produzione di materassi. 

Sottolineiamo, infine, che non esiste una colla base Eva adatta a tutte le applicazioni, ma ogni formulazione deve tenere conto del tipo di substrato, delle tecniche di incollaggio, inclusa la velocità di applicazione e il tempo di posa e, non da ultimo, anche delle condizioni ambientali in cui l’adesivo viene usato. 

 

Colle Eva a marchio Diamelt

In Diatecx siamo specializzati nelle formulazione di colle Eva per ogni tipologia di settore e applicazione, grazie al laboratorio interno di ricerca e sviluppo. Per ricevere una consulenza e determinare la corretta tipologia di colla Eva, contattaci ora per parlare con uno dei nostri esperti. 

0 commenti