Tessuto TNT: caratteristiche e applicazioni

21 Mag 2021 | Textile

Il tessuto TNT (tessuto non tessuto, o in inglese nonwoven) di grande o piccolo formato trova tantissime applicazioni sul mercato in virtù delle sue caratteristiche superiori e dei suoi vantaggi di utilizzo. In questo articolo scopriremo quali sono queste caratteristiche e in quali settori industriali è maggiormente impiegato, cercando di dare una panoramica quanto più ampia possibile su questo materiale innovativo. 

 

Cos’è e com’è fatto il tessuto TNT 

Il tessuto TNT è un materiale industriale che in quanto a consistenza, resistenza e morbidezza ricorda le caratteristiche di un tessuto vero e proprio. Tuttavia, il TNT non viene ricavato da un processo di tessitura tradizionale, bensì attraverso trattamenti chimici, meccanici, termici o con l’utilizzo di solventi.

Darne una definizione univoca è un po’ complesso perché sia i materiali con cui si realizza, sia i metodi di lavorazione possono essere molto diversi tra loro. Quello che possiamo dire è che a differenza del tessuto tradizionale, in cui le fibre seguono due direzioni (trama e ordito), nel tessuto TNT le fibre hanno una sovrapposizione casuale

Le fibre non richiedono la classica trasformazione in filati, vengono invece posizionate a strati e poi trattate per unirsi l’una con l’altra per creare il tessuto. Le fibre sono prevalentemente sintetiche, anche se si possono usare in percentuale variabile anche fibre naturali come la viscosa. I materiali più utilizzati a livello industriale sono polipropilene e poliestere.

Sullo stesso tema potrebbe interessarti anche: Tessuto TNT per mascherine: tutte le tipologie.

 

Caratteristiche e vantaggi del tessuto TNT

Il tessuto non tessuto presenta ottime qualità e proprietà, anche in accoppiamento con altri materiali o con ulteriori lavorazioni e trattamenti. Una delle caratteristiche che hanno contribuito alla sua diffusione a livello industriale è sicuramente l’ottimo rapporto qualità prezzo, è infatti un prodotto abbastanza economico. Ma oltre a questo aspetto, il tessuto TNT, in particolare quello realizzato in polipropilene o poliestere secondo la tecnologia di filatura Spunbond (a “legame filato” di filo continuo) garantisce per le sue applicazioni numerosi vantaggi: 

  • resistenza all’acqua
  • resistenza alla fiamma
  • permeabilità all’aria
  • buona resistenza ai graffi 
  • non perde colore
  • resistenza a temperature basse o alte
  • facilità di taglio
  • facilità di cucitura
  • atossico e anallergico
  • morbidezza e non abrasività al tatto

A tutte queste caratteristiche, in base alla destinazione d’uso, il tessuto TNT può essere ulteriormente lavorato più e più volte e può essere accoppiato con moltissimi materiali per aggiungere altre caratteristiche, come la resistenza ai raggi ultravioletti, la facilità di stampa, l’antistaticità, l’impermeabilità al 100% e così via. 

 

Applicazioni del tessuto TNT: un mondo infinito

Il tessuto TNT esiste già da parecchi anni. Trae infatti origine dalle prime tecniche di produzione del feltro degli anni ‘30 e del cotone idrofilo. Bisogna però aspettare lo sviluppo tecnologico degli anni ‘50 per poter parlare della nascita dell’industria del TNT. In Italia lo vediamo comparire solo a partire dagli anni ‘90, in prodotti usa e getta. 

Oggi il tessuto non tessuto è entrato in modo consistente nella realizzazione di oggetti di uso quotidiano, quindi molto conosciuto anche dai consumatori. Basti pensare ai tovaglioli  – sostituiti a quelli di carta – che si trovano nei ristoranti, ai supporti per l’igiene e la pulizia della casa, ma anche del corpo, alle shopping bag brandizzate, alle pantofole usa e getta dei centri estetici o nei grandi hotel. 

Ma oltre a queste “piccole” applicazioni conosciute dai consumatori, gli addetti ai lavori sanno bene che il tessuto TNT trova svariati utilizzi in molti processi industriali, in qualità di prodotto finale o di componente di prodotto. Il tessuto TNT viene ad esempio utilizzato per la realizzazione di: 

  • componenti interne delle calzature e dell’abbigliamento;
  • text banner e cartellonistica pubblicitaria per eventi sportivi, ad esempio nelle piste da sci; 
  • parti di arredi, come rivestimento interno di divani, poltrone, sedie e nella realizzazione di carte da parati;
  • supporti per il settore dell’edilizia, come substrato nelle costruzioni, per allestire soffitti e controsoffitti;
  • dispositivi di protezione individuale in campo sanitario, come mascherine chirurgiche, camici sterili, copriscarpe e allestimenti per sale operatorie, ma anche per la medicazione come bende, cerotti e fasciature; 
  • teli di protezione per il giardinaggio, nelle serre e nell’agricoltura biologica.

Essendo un prodotto di natura sintetica le applicazioni sono davvero infinite. In base al tipo di output finale basta scegliere i materiali di partenza e i processi di produzione più idonei per dare al tessuto TNT le caratteristiche desiderate per l’applicazione che si intende realizzare. 

 

Tessuti TNT Diatecx per ogni uso

La tua azienda lavora con il tessuto TNT o avrebbe bisogno di trovare quello più adatto? Il nostro reparto Textile può offrirti diverse tipologie di tessuti idonei a svariate applicazioni. Fanno parte del nostro portfolio tessuti SMS (Spunbond – Meltblown – Spunbond), Tessuti-Non-Tessuti Meltblown e Tessuti Spunbond. Contattaci ora per parlare con i nostri esperti!

0 commenti