Carta per cartamodello: consigli per la scelta

23 Dic 2020 | Textile | 0 commenti

Se sei alla ricerca di una carta per cartamodello, in questo articolo troverai alcune utili informazioni che potranno esserti di aiuto nella scelta della carta giusta.  

 

Quali caratteristiche per una buona carta per cartamodello? 

 

Iniziamo col dire che una buona carta per modelli sartoriali deve essere prima di tutto resistente, in modo da permetterti di ricalcare il disegno senza il timore che la carta si strappi o che si rovini quando la conservi per riutilizzarla in seguito. 

La carta deve avere poi un’adeguata trasparenza per poter vedere distintamente le linee dei cartamodelli da ricalcare. Al tempo stesso non deve essere troppo trasparente a tal punto da far sparire il contrasto con le linee disegnate, nel caso in cui la carta venga posta su un fondo scuro.   

Un altro elemento da considerare è la grammatura, ovvero il peso e la consistenza della carta che deve essere robusta ma non troppo pesante. 

 

Carta per cartamodello

Perché le carte non professionali non vanno bene 

 

Per realizzare un cartamodello esistono vari supporti professionali prodotti specificamente per questo utilizzo. Tuttavia, soprattutto quando si è alle prime esperienze sartoriali può capitare di affidarsi a soluzioni, per così dire, più improvvisate per lavori non troppo accurati. 

Vi è ad esempio chi usa la carta velina o addirittura la carta da forno, ma entrambe chiaramente non sono adatte ad un uso professionale. 

La prima infatti è troppo sottile e delicata e tende a rompersi facilmente, mentre la seconda non è abbastanza larga per permettere il disegno di un capo nella sua interezza. Vediamo allora quali sono le tipologie di carta per cartamodello più utilizzate nell’ambito della confezione professionale, sia artigianale che industriale. 

 

Tipologie di carta per cartamodello

 

Le carte disponibili in commercio vengono solitamente vendute a rotoli, con diverse metrature a seconda delle esigenze. Le principali sono: 

  • Carta stampata: con numeri a distanza di 1 cm l’uno dall’altro. Questi segni sono molto utili per chi disegna i propri cartamodelli, perché rendono più facile l’allineamento dei modelli e il disegno di linee rette. In quanto a grammatura sono carte leggermente più pesanti rispetto alla carta velina, più resistenti della carta lucida, ma abbastanza trasparenti e sottili per tracciare le linee con precisione. Se si usa la matita per il disegno, inoltre, risulta facile cancellare in caso di errori ed è facile da tagliare senza il rischio di strappi. 
  • Carta da plotter idonea se si utilizzano software CAD per la progettazione di cartamodelli che andranno stampati con plotter. Ci sono varie tipologie di carte, riciclate o non e con diverse caratteristiche.
  • Carta da lucido svedese è un particolare tipo di carta molto simile al “tessuto-non-tessuto” realizzata in poliestere, dall’elevata resistenza allo strappo. Si comporta in modo simile ad un tessuto, si può dunque cucire, e tagliare per realizzare un prototipo dell’abito, prima di utilizzare il tessuto vero e proprio.

 

Scegli la giusta carta con Diatecx

 

In Diatecx siamo specializzati nella produzione e commercializzazione di carte per il settore della confezione artigianale o industriale. Offriamo un’ampia gamma di supporti e carte per il disegno, dai prodotti per la stampa con plotter sino ai prodotti specifici per il disegno, disponibili in diversi formati e adattabili alle diverse esigenze di produzione. Contattaci ora! 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *